All for Joomla All for Webmasters

Lo Statuto del Comitato Genitori

Articolo Uno

Il COMITATO DEI GENITORI, composto dai Rappresentanti eletti da ciascuna classe ogni inizio anno scolastico, costituisce:
a) una ”associazione di fatto”, in quanto tale essa ha il potere di formulare proposte e di esprimere pareri in merito ai Progetti di Offerta Formativa (Regolamento dell’Autonomia, DPR 275/99): tale prerogativa è esclusiva del Comitato dei Genitori e ne sono esclusi i rappresentanti in quanto tali (rappr. di classe e interclasse, rappr. nel Consiglio di Istituto).
b) organo di collegamento fra genitori e il Consiglio d’Istituto;
c) sede di analisi dei problemi delle classi, emergenti dalle periodiche riunioni fra genitori e rappresentati di classe
d) sede per l’elaborazione di proposte da presentare ai Sigg. Presidi, al Sig. Direttore/Gestore del Collegio ed al Consiglio d’Istituto.


Articolo Due

Allo scopo di rendere più spediti ed efficaci gli interventi volti al raggiungimento delle finalità precisate, il Comitato designa un organismo di coordinamento, o CONSIGLIO DIRETTIVO, che sarà nominato nei modi e termini di cui appresso, al quale delega i seguenti compiti:

a) collaborare al compimento delle iniziative che siano intraprese nell’interesse della scuola, dagli organismi operanti all’interno di essa, previsti nei Decreti Delegati o esistenti di fatto. A tale scopo il Consiglio Direttivo ha il dovere di mantenere continui collegamenti fra il Consiglio d’Istituto e gli organismi sopra citati; in particolare coordina e favorisce quelle iniziative che, emerse dai singoli consigli di classe, richiedono, per la loro caratteristica di interesse generale, un esame combinato globale;
b) assumere iniziative idonee all’attuazione delle finalità proprie della scuola e, per l’effetto, sentito il comitato promuovere l’eventuale formazione di commissioni o gruppi di studio;
c) chiedere ai rappresentanti dei genitori in seno al Consiglio d’Istituto, previo consenso del Comitato e con petizione motivata, di sottoporre al riesame del Consiglio stesso quelle decisioni non sufficientemente rispondenti alle legittime aspettative dei genitori;
d) segnalare all’ufficio di presidenza qualsiasi comportamento di studenti, docenti e non docenti, in contrasto con la dignità e il prestigio della scuola;
e) esplicare a richiesta dei genitori interessati, qualsiasi intervento “ad adiuvandum” per ottenere il riesame di provvedimenti disciplinari adottati dalle competenti autorità scolastiche nei confronti di alunni della scuola;
f) coordinare quelle altre facoltà che il legislatore ravvisasse di precisare in futuro e/o in sede di riforma dei Decreti Delegati;
g) elaborare proposte e focalizzare problemi ampiamente condivisi: ottimizzare l’impegno e le energie volte alla risoluzione dei problemi di tutti e, contemporaneamente, è in grado di limitare l’impatto di quelle rivendicazioni e istanze di carattere prettamente personale che tanto innervosiscono (e non a torto!) le componenti chiamate a farsene carico.


Articolo Tre

Il funzionamento del Comitato dei genitori e del consiglio direttivo è disciplinato dalla Legge e dalle seguenti norme: • Il Comitato dei genitori nomina, con votazione segreta per la quale non è ammessa delega, sulla scheda sino ad un massimo di tre preferenze il Consiglio Direttivo.
• Tale Consiglio sarà composto da un minimo di 8 ad un massimo di 16 elementi, ripartiti nel numero di un massimo di quattro per ogni ordine scolastico, a parità di voti ottenuti sarà nominato il genitore più anziano di età.
• In caso di rinunzia o di cessazione dall’incarico di un componente eletto, si procederà alla surroga seguendo l’ordine decrescente dei voti ottenuti degli altri genitori.
• Il genitore rappresentante di più classi, esprime un voto per ogni classe rappresentata.
• Il Consiglio Direttivo eleggerà nel suo seno, un Presidente, un Vice Presidente e designerà un Segretario; essi avranno analoghe funzioni anche nell’assemblea del Comitato dei genitori.
• Il Presidente convoca il Comitato dei genitori, in seduta ordinaria, almeno una volta ogni due mesi, e l’assemblea è comunque valida qualunque sia il numero dei presenti.
• Il Presidente convoca il Consiglio Direttivo almeno una volta al mese, la riunione è valida se partecipano almeno cinque membri.
• Gli avvisi di convocazione dovranno essere inviati agli interessati almeno cinque giorni prima della data fissata per la seduta e dovranno contenere la data della riunione, il luogo, l’ora e l’ordine del giorno.
• Il Presidente nella stesura dell’ordine del giorno dovrà tener cura delle eventuali richieste pervenute dai genitori rappresentanti di classe o dai membri degli organismi presenti nella scuola, almeno dieci giorni prima della data prevista per l’assemblea del Comitato dei genitori.
• In caso di richiesta motivata da almeno 1/10 dei componenti il Comitato genitori, il Presidente procederà alla convocazione di riunioni straordinarie.
• Il Presidente dirige le sedute, regola e provvede al buon andamento dei lavori del Comitato dei genitori e del Consiglio Direttivo; mette in discussione gli argomenti all’o.d.g., ne propone la sospensione, concede la parola a chi ne faccia richiesta, le sedute non possono essere dichiarate chiuse prima che l’assemblea abbia discusso tutti gli argomenti posti all’ordine del giorno.
• Di ogni seduta sarà redatto verbale che sarà inviato per conoscenza ai Sigg. Presidi, al Sig. Direttore/Gestore del Collegio, al Presidente del Consiglio d’Istituto e affisso all’Albo della Scuola, estratto del verbale per gli argomenti di competenza sarà inviato al Collegio Docenti.
• All’inizio delle sedute il Presidente fa dare lettura del verbale della precedente riunione che si ritiene approvato se nessun rappresentante muove osservazioni, sul processo verbale non è consentito prendere la parola se non per proporre rettifiche o per chiarire o correggere il pensiero espresso nella seduta precedente.
• Dopo l’approvazione del verbale, l’assemblea procede alla trattazione degli argomenti previsti per la seduta in corso. Su richiesta motivata, anche di un solo membro, il Presidente può proporre che l’o.d.g. sia variato nella successione dei singoli argomenti, la proposta non è accettata se 1/3 dei presenti si oppone.
• Il Vice Presidente, in caso di impedimento del Presidente, lo sostituisce in tutte le attribuzioni previste dal presente regolamento.
• In caso di decadenza del Presidente, il Vice non subentrerà automaticamente nella funzione del Presidente, ma si provvederà a nuove elezioni.
• Il Segretario ha il compito di inviare le comunicazioni relative alla data, all’orario, alla sede ed all’o.d.g. di ogni convocazione del Comitato dei genitori e del Consiglio Direttivo nel rispetto dei termini di cui all’art. Tre punto 3.


Articolo Quattro

Sono dichiarati decaduti dalla nomina quei componenti il Consiglio Direttivo che, senza giustificato motivo, risultino assenti per tre volte dalle riunioni, anche non consecutivamente.


Articolo Cinque

La durata dell’incarico nel Consiglio Direttivo è annuale, l’incarico cessa al momento dell’elezione del nuovo Consiglio Direttivo dopo l’elezione dei rappresentanti di classe. La prima riunione del nuovo Comitato dei genitori per l’elezione del nuovo Direttivo si dovrà tenere entro e non oltre 20 (venti) giorni dalla nomina dei rappresentanti; i membri uscenti possono essere rieletti, purché conservino il requisito della rappresentanza di classe.


Articolo Sei

Il Comitato dei genitori ha facoltà di aprire un c/c bancario o postale per le necessità di cassa, delegati alla firma congiunta sono il Presidente e il Vice Presidente, l’onere finanziario che deriva dal funzionamento del Comitato è coperto da un fondo che si costituisce attraverso quelle iniziative che il Comitato stesso promuoverà, del quale al termine di ogni anno scolastico verrà redatto rendiconto.


Articolo Sette

Il Comitato dei genitori ed il Consiglio Direttivo elegge la propria sede presso il “ Collegio S. Antonio” Via Manzoni, 13 – 20040 Busnago.


Articolo Otto

Il presente Statuto-Regolamento è modificabile in ogni momento purché approvato dalla maggioranza assoluta dei componenti il Comitato dei genitori.

COLLEGIO SANT’ANTONIO

Diretto dai Fratelli di N.S. della Misericordia
Via Manzoni, 13 – 20874 Busnago (MB)
Tel. 039.6820180 – Fax 039.6095403
Info: segreteria@collegiosantantonio.com
P.IVA: 05799700967

ORARI SEGRETERIA

Dal Lunedì al Venerdì: 8-10; 12.30-13.30; 16-18
Sabato: 10.30-13.30

SOCIAL

Questo sito utilizza i cookie. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. approfondisci

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close